Vantaggi e fasi del Workflow Digitale: perché è importante che anche i pazienti lo conoscano?

L’odontoiatria digitale sta diventando sempre più diffusa. Cambia la pianificazione dei trattamenti e migliorano i risultati. Vediamo come.

Obiettivo di questo articolo è fornirvi alcune informazioni di base per comprendere meglio come viene strutturato il flusso di lavoro attraverso un Workflow digitale, come avviene nel nostro Studio. In che modo il workflow digitale influisce sull’intera pianificazione di un trattamento? Perché è così importante che siate consapevoli e quali sono i vantaggi per voi pazienti?

Il workflow digitale risponde all’esigenza di una gestione efficiente, rendendo il passaggio dalla diagnosi all’applicazione clinica sempre più scorrevole.

Noi di Studio Smile Line lo mettiamo in pratica da ben 12 anni. Pensiamo sia importante condividere le motivazioni che ci hanno spinti ad adottarlo fin dal 2007.

Cos’è il workflow digitale?

Prima di tutto è utile definire insieme di cosa si tratta. É un termine molto diffuso, ma cosa significa?
Il workflow sta ad indicare il flusso di lavoro, cioè la modalità con cui si sceglie di gestire un processo di lavoro, per raggiungere degli obiettivi.
Alla base di qualsiasi workflow c’è uno scambio di informazioni.

Rimane da capire quale sia la novità del digitale. Cosa è cambiato rispetto al passato? Prima del digitale il flusso di lavoro in Studio veniva gestito completamente in modo analogico: tempi di progettazione lunghi e assenza di supporto tecnologico per l’odontoiatra. Questa impostazione del lavoro ha messo molti professionisti davanti ad una necessità: semplificare i processi e sfruttare le nuove tecnologie per migliorare l’efficienza di ogni trattamento.

Mantenendo invariata la qualità dei processi del workflow analogico, il digitale ha quindi spostato il focus sull’organizzazione del lavoro. Passaggi semplici e diretti per ogni intervento, sviluppo di strumenti sempre più sofisticati e innovativi.

Così nasce il flusso di lavoro digitale.

Scopriamo assieme di cosa si tratta

Un workflow digitale è tradizionalmente costituito da tre momenti fondamentali: diagnosi, elaborazione e progettazione, trattamento. Vediamoli meglio assieme.

Diagnosi

Il workflow digitale ha inizio con la diagnosi che prevede l’acquisizione dei dati del paziente e consente il passaggio dal reale al virtuale delle informazioni cliniche. Serve ad analizzare ogni singolo caso in maniera puntuale.

Gli strumenti utilizzati sono:

  1. lo scanner intraorale con cui si rileva l’impronta digitale dentale direttamente dalla bocca, senza dover ricorrere alle tradizionali impronte dentali (che comunque sono digitalizzabili con scanner extraorale).
  2. Cone beam CT, cioè un esame radiografico 3D a basso dosaggio dell’intera area interessata al trattamento implantare, impiegando pochissimi secondi.

Elaborazione e progettazione

La successiva elaborazione dei dati rilevati durante la diagnosi corrisponde allo studio delle immagini per la progettazione dei passaggi seguenti. Si realizza grazie alla tecnologia CAD/CAM: tramite il software CAD (Computer Assisted Design) vengono elaborati i dati acquisiti con la scansione intraorale e/o con il Cone beam.

Elaborazione e progettazione del trattamento, attraverso tecnologia Cad/ Cam

 

In questa fase il paziente può farsi un’idea chiara, in anteprima, del risultato che si otterrà grazie alla previsualizzazionePoi, individuato il trattamento, con il sistema CAM (Computer Aided Manifacturing) si producono i manufatti necessari.

Trattamento

Il workflow digitale è una modalità di gestione applicabile a svariati trattamenti odontoiatrici, dall’ortodonzia, alla chirurgia fino alla protesi. Questa fase corrisponde all’effettivo momento in cui si procede all’inserimento dei manufatti realizzati, grazie all’organizzazione del lavoro precedentemente elaborata.

Può essere utile fare un esempio. Nel caso si decida di eseguire una terapia implantare, grazie alla chirurgia computer guidata, sarà necessario realizzare delle dime chirurgiche. Si tratta di mascherine in resina che servono ad inserire correttamente l’impianto, posizionandolo esattamente nel punto programmato. La produzione di questo manufatto avviene proprio nella fase di Cad/cam: la dima viene progettata e successivamente stampata, affinché il professionista possa inserire gli impianti con precisione, consentendo al paziente di ritrovare rapidamente le capacità masticatorie e il sorriso.

Pensate che nel nostro Studio questa tecnologia è in uso dal 2007, ben 12 anni di esperienza!

Dima Chirurgica

 

Il workflow digitale permette di realizzare procedure cliniche semplificate, riduce l’invasività dei trattamenti e rende più funzionali i percorsi diagnostici.

Il vantaggio per il paziente è evidente grazie alla qualità dei dispositivi, alla maggiore personalizzazione dell’approccio e alla ricerca costante di precisione e sicurezza.

Benefici del workflow digitale:

  • Una diagnosi funzionale consente di raccogliere e memorizzare una banca dati maggiore che si traduce nella conoscenza approfondita della vostra storia clinica e nella possibilità di sviluppare un percorso terapeutico su misura!
  • L’uso di tecnologie in tempo reale consente un’analisi diretta del caso con riscontro immediato della precisione e della prevedibilità del risultato. In altre parole non passerà più tanto tempo tra la diagnosi e l’inizio del trattamento.
  • Precisione e controllo della qualità dei processi. La precisione delle singole fasi aiuta anche a controllare e svolgere passo dopo passo un trattamento su misura per ogni paziente. L’accuratezza complessiva permette di standardizzare alcuni passaggi ed ottenere dati sempre più specifici.
  • La programmazione dettagliata iniziale consente una semplificazione delle procedure successive, rendendo i trattamenti più rapidi.
  • Le tempistiche ridotte trovano un riscontro immediato sia a livello funzionale, sia a livello estetico.
  • Una migliore visualizzazione della situazione e la sicurezza di una minore invasività rendono più chiaro, sicuro e confortevole il percorso da affrontare da parte del paziente.

Conclusione

In conclusione mettere in atto un corretto workflow è il presupposto per intraprendere un percorso sicuro con risultati efficaci.
Noi dello Studio Smile Line di Messina mettiamo al centro del nostro workflow l’efficienza, per il benessere del nostro paziente.


Avere un’ottima organizzazione metodologica porta a conseguire risultati clinici migliori.

Sei interessato a saperne di più? Entra in contatto con noi.
Chiamaci per prenotare la tua prima visita, oppure clicca qui sotto!